Il respiro del vento – spostato al chiuso

A causa dell’incertezza meteo,
lo spettacolo si sposterà al chiuso, presso
la palestra di piazza Mercato – Ome

Questo spettacolo è parte del Festival Greenland

La storia di un ragazzo che, cercando la pioggia, perse se stesso.

C’era una volta il popolo degli uomini blu. Vivevano vicino a un grande lago così limpido che sulla sua superficie potevi vedere galleggiare le nuvole, le foglie, le stelle e i sassi bianchi del fondo. Certe sere il cielo si rifletteva sull’acqua e colorava il villaggio e i suoi abitanti d’azzurro e di blu. Ma un anno smise di piovere e il lago si prosciugò. “Guarda il cielo Alizar, il nostro lago ora è lassù, tu dovrai riportarlo quaggiù” La siccità affligge il popolo degli uomini blu. Il loro lago è secco. L’anziano del consiglio affida ad Alizar un compito: cercare la pioggia e riportare il lago sulla terra.

Alizar prima di partire va dalla sua amata Mounia. Promette che l’amerà anche quando sarà lontano, e lei che lo cercherà, anche se dovesse rimanere di lui solo “un respiro”. Mounia da una collina osserva Alizar allontanarsi e canta insieme ad un piccolo uccellino azzurro, una canzone di speranza. Alizar arriva in una foresta dove incontra due corvi, per proseguire oltre deve rispondere ad una domanda o pagare: Da dove viene il vento? Non sa rispondere, non ha soldi, e così i corvi chiedono le sue gambe, le braccia, il petto, gli occhi, la bocca, la testa, ma il suo “ultimo respiro”, Alizar lo manda a Mounia sulle ali dell’uccellino azzurro.

Nel villaggio degli uomini blu passano gli anni e Mounia aspetta il suo amato, finché una mattina quel piccolo uccellino entrando nella sua stanza con un soffio di vento la sveglia e lei decide di partire a cercare Alizar. Anche Mounia arriva alla foresta e i corvi la accolgono gracchiando la loro domanda. Mounia risponde, senza tentennamenti: “il vento è il respiro di Alizar”. I corvi scompaiono ma prima di scomparire lei vede nei loro occhi quello che era accaduto.

Restituisce il respiro a Alizar e lui svegliandosi trova davanti a sé una donna anziana, di cui riconosce il sorriso, mentre la bacia e Mounia torna giovane come il giorno che si erano lasciati. Il rito è compiuto: nel villaggio torna la pioggia.

Premi:
Miglior spettacolo alla 39a Edizione del Festival Nazionale di Teatro Ragazzi di Padova


Dove trovarci

The event is finished.

Data

04 Lug 2022
Terminato

Ora

21:15

Età

5+

Luogo

Ome
Ome, Borgo del Maglio, Via Maglio, 51

Compagnia

Cada Die Teatro
Nessun evento trovato!

In questa sezione potete trovare tutti gli spettacoli suddivisi per categorie.

Ottobre 2022
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Categorie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.